psicologo - psicoterapeuta

IRRIPETIBILE

IRRIPETIBILE IMMAGINE

 

 

Alberi, foresta, natura, nero, oro, verde e l’insieme infinito dei colori di questa terra tanto violentata e che andrebbe invece protetta proprio dal suo principale nemico: l’uomo.Ecco, alberi da salvare!

E’ questa la teoria di quadri che Silvio Crosera ci presenta in una personale allo Spazio Paraggi.

Alberi che apparentemente si somigliano, fusto dritto e fronde che svettano verso l’alto, in una ricerca di assoluto, ma nel contempo alberi diversi che suscitano ricordi molto distanti sia nel tempo che nello spazio. La foresta nera e insidiosa di Cappuccetto Rosso è seguita dall’albero, leggermente piegato dal vento del deserto, luccicante, color oro come la sabbia illuminata dal sole, che ci indica la strada del palazzo del sultano.

Queste opere di Silvio Crosera esprimono una natura immaginifica e irripetibile, una natura che dobbiamo recuperare nella nostra mente, nei sogni, nel passato, una natura che va protetta, così come queste tele avvolte nel nylon. Il messaggio è chiaro: non possiamo più attendere, il nostro mondo va difeso, tutelato a partire da oggi o altrimenti non ci sarà più un domani né per gli alberi né per gli uomini.

Silvio Crosera, autorevole psicoterapeuta, gioca attraverso il messaggio visivo: la facilità dell’immediatezza nasconde, come in tutte le sue opere, una profondità, a volte ironica a volte triste, mai scontata.

mfb

 

https://www.facebook.com/events/175720649561733/

Presentazione “Come migliorare il mio metodo di studio”

Come-migliorare-il-mio

Giovedì 10 aprile 2014 – ore 18.30

Silvio Crosera e Carla Perusini
Presentano “Come migliorare il mio metodo di studio”

presso:

Libreria Lovat Villorba
via Newton
Tel. 0422 92697 – 0422 920039

 

 

Non hai voglia di studiare?
Ti distrai in classe e perdi tutto il pomeriggio su una materia sola?
Alle verifiche sei un disastro?

Niente paura! Ti serve solo qualcuno che ti aiuti a mettere a punto un piano di battaglia per l’anno scolastico!

Ecco un metodo semplice ed efficace per riconoscere tutte quelle risorse che hai già ma non sai sfruttare: il tuo stile di apprendimento, le tue capacità di attenzione e di ascolto, le caratteristiche della tua memoria.

Scarica il volantino

Comunicare con mio figlio per capire, per capirci.

Venerdì 11 aprile 2014 – 20,30

“Comunicare con mio figlio per capire, per capirci”
Serata di confronto e di scambio fra genitori ed esperti alla ricerca di una comunicazione efficace tra genitori e figli adolescenti

presso:

L’aula magna della scuola secondaria
Istituto Comprensivo Carbonera
Via Roma, 56 – 31030 Carbonera TV
Tel. 0422 396256

 

 

Lo scorso novembre. durante l’incontro sull’importanza del metodo di studio per i nostri ragazzi, in tarda serata era emerso l’interesse per la tematica della comunicazione tra genitori e figli. Lo psicologo Silvio Crosera e la pedagogista Carla Perusini, si sono lasciati gentilmente coinvolgere in un altro incontro per offrire nuovamente il loro contributo alle famiglie.

Per questo Vi aspettiamo.

Come migliorare il mio metodo di studio

Come migliorare il mio metodo di studio

Dal 29 settembre in tutte le librerie

Non hai voglia di studiare? Ti distrai in classe e a casa perdi l’intero pomeriggio su una materia sola? Alle verifiche sei un disastro? Niente paura! Hai bisogno di un personal trainer che ti aiuti a mettere a punto un piano di battaglia per l’anno scolastico! Ecco un metodo semplice ed efficace per riconoscere tutte quelle risorse che hai già ma non sai sfruttare: • il tuo stile di apprendimento • le tue capacità di attenzione e di ascolto • le caratteristiche della tua memoria Perché studenti non si nasce, si diventa! E se hai ancora qualche dubbio scrivici su: ilmiometododistudio@giunti.it

Come migliorare il mio metodo di studio


Come-migliorare-il-mio
Presentazione di Arianna, Silvio e Carla

 

La mattina mi sveglio e, ancora distesa, guardo il soffitto. La prima cosa che mi viene in mente è che non voglio alzarmi, sotto le coperte si sta troppo bene. Prima che la sveglia suoni di nuovo mi soffermo a guardare i particolari dell’intonaco bianco sopra di me.
Il rumore metallico mi richiama, ancora una volta, alla vita reale. Con fatica scendo dal letto e cerco di non fare troppo tardi. Mi guardo allo specchio e provo a migliorare il mio aspetto con un po’ di trucco, poi scendo a fare colazione.
Intorno a me la mia famiglia sgambetta già pronta per la giornata: i miei genitori si avviano verso l’asilo con i miei fratelli e poi si recano al lavoro, mentre io cammino, corro o pedalo verso la scuola.

1 of 3
123